Normativa

Normativa diramata da Ordine Medici e Odontoiatri di Arezzo

Responsabilità del medico in intervento urgente 21.6.2011

Da Toscana Medica News del 16.6.2011 - Responsabilità del medico in intervento urgente
Un medico di continuità assistenziale e un altro medico libero professionista, intervenuto nell'immediatezza su richiesta dei familiari della paziente, sono stati condannati dalla Corte di Cassazione (sentenza n. 20572 del 24/05/2011 pronunciata dalla IV sezione penale), in quanto dichiarati colpevoli per avere cagionato la morte di una bimba con difficoltà respiratorie conseguenti a shock anafilattico per assunzione orale di cefalosporina contenuta nel farmaco Panacef. La colpa era consistita in imperizia e, segnatamente, nell'avere omesso di effettuare le dovute manovre di ossigenazione bocca-naso, omettendo di somministrare adrenalina per via intramuscolare e/o venosa, idrocortisone e antistaminico, limitandosi a praticare esclusivamente due iniezioni intramuscolari, una di Bentelan e una di Valium, quest'ultimo farmaco assolutamente controindicato attesa la depressione respiratoria in atto. Agli imputati, quindi, è stata addebitata la mancanza di qualsiasi intervento utile, fondata su un errore di diagnosi e anche sul fatto di non avere affrontato l'emergenza con la necessaria lucidità e freddezza; inoltre al medico libero professionista è stato anche addebitato il comportamento omissivo di non avere provveduto ad accompagnare personalmente la piccola in ospedale, come, a giudizio dei giudici, sarebbe stato suo specifico dovere fare.

Nessun allegato disponibile